Valutazione neuropsicologica, Dicembre 1993

Autore: John D. W. Greene, MD; Karalyn Patterson, PhD; John Xuereb, MD; John R. Hodges, MD
Traduzione: Marlene Rota Stabelli

Quando il paziente venne visto 6 mesi più tardi, si era verificato un globale deterioramento ed era completamente incapace di ripetere sia singole cifre che corte parole. Le abilita visuo-spaziali e percettive erano anch'esse marcatamente peggiorate. Ai tests di abilità linguistica, c'era un declino nella comprensione sia della struttura sintattica che delle singole parole. In contrasto, la denominazione rimaneva a un discreto livello e non vi era deterioramento nei livelli 1 e 2 del compito di scelta figura.

Neuropatologia

Un grado moderato di atrofia era evidente nelle parti mediali degli emisferi cerebrali (FIGURA 2,sinistra). I vasi sanguigni del circolo di Willis e le sue branche erano normali. Le porzioni coronali mostravano un moderato assottigliamento della corteccia cerebrale nelle aree parasagittali, frontali e parietali con una proporzionale atrofia della materia bianca digitate. La corteccia perisilviana era anch'essa colpita ma la parte mediale delle strutture del lobo temporale erano risparmiate. (FIGURA 2,destra ). Microscopicamente, le sezioni dell' isocorteccia cerebrale delle aree associate al linguaggio dell'emisfero sinistro contenevano estesi segni patologici dell'AD. Una moderata perdita di corpi delle cellule neuronali e una moderata gliosi astrocitale era associata a frequenti ammassi neurofibrillari interneurali, placche neuritiche ed estesi filamenti di neuropile (FIGURE 3 a sinistra e destra). I segni patologici dell'AD erano ugualmente severi nelle aree Bas 44 e 45, la parte perisilviana dei giri precentrale Bas 4 e 6 e postcentrale Bas 3, 1, 2, e 5, il terzo mediale e posteriore del giro temporale superiore e mediale (area di Wernike) e il giro supramarginale (Ba 40) del lobulo parietale inferiore. Avevano una maggiore denso di ammassi neurofibrillari, ma non placche neuritiche, nel giro angolare (BA 39) TABELLA 3.

FIGURA 2

La presenza di simili cambiamenti, sebbene non così estesi, nella corteccia visiva striata confermava che l'avanzamento dell'AD era consistente al momento della morte (stadio 5 di Braak e Braak). Non c'era evidenza di ischemie focali o diffuse nell'emisfero cerebrale.

La perdita di alcune cellule nervose fu notata nella regione CA1 delle cellule nervose piramidali dell' ippocampo e nella corteccia entorinale.

La degenerazione neurofibrillare e le placche neuritiche erano presenti in queste aree ma, in contrasto con la isocorteccia cerebrale, erano cambiamenti moderati. FIGURA 3.

TABELLA 3: Principali ammassi neurofibrillari e placche neuritiche nella Neocorteccia Basale.
Brodmann Areas
Ammassi Neurofibrillari
Placche Neuritiche
BA 4
15
6
BA 6
12
6
BA 10
18
5
BAs 21 e 22
17
7
BA 39
29
4
BA 40
17
5
BAs 44 e 45
17
4

FIGURA 3

In alto a sinistra, sezione dell'isocorteccia temporale in paraffina con anticorpi monoclonali contro la proteina tau mostra placche neuritiche e numerosi ammassi neurofibrillari. In alto a destra sezione temporale dell'isocorteccia con anticorpi monoclonali contro la proteina tau, che mostrano neuropile. Sotto, l'ippocampo mostra una povertà dei segni patologici dell'AD nella regione CA1.

La relativa povertà dell'ippocampo era chiaramente atipica. I gangli basali e le strutture diencefaliche erano normali, eccetto per occasionali ammassi neurofibrillari nel talamo mediale. Una sottile riduzione dei neuroni pigmentati nella substantia nigra e una più rilevante perdita di cellule neuronali nel lucus ceruleo erano associati ad occasionali ammassi fibrillari, ma i corpi di Lewy erano assenti. Le arterie penetranti dai gangli basali e nel tronco cerebrale non erano affette da arteriosclerosi e non c'era evidenza di danni ischemici.

Articolo precedente: Risultati Articolo successivo: Commento

Test on line

Misura la tua capacità logica, il tuo lessico, le tue capacità induttive con i test on line di hyperlabs.net.

» I test di intelligenza

Neuropsy su Facebook

» La pagina Facebook di Neuropsy

» Il gruppo Facebook Neuropsicologia e Psicoterapia.

» Twitter @neuropsy_it.