Quantificazione

Autore: J.A. Harasty, G.M. Halliday, C. Code e W.S. Brooks Dipartimento di Patologia e Medicina, Scuola dei Disturbi comunicativi, Università di Sidney e l'Istituto di Ricerca medica Prince of Wales Randwick, Australia;
Traduzione: Elena Faggionato

Il volume delle strutture temporali inferiori e temporali mediali (includendo ippocampo, paraippocampo, amigdala) e ogni area bloccata furono determinate attraverso punti calcolando le aree corticali rilevanti di una parte delle fotografie con una griglia di 21* 31 punti (ogni punto equivale a 0.62 mm2 di una parte di area con tra ogni parte di tre mm) e applicando il principio di Cavalieri. Ripetute misure davano una variazione del 5%. Fu determinata la proporzione del volume cerebrale totale di ognuna di queste aree misurate. Per un confronto, le stesse procedure vennero applicate a due pazienti di controllo avendo il consenso per svolgere autopsie di routine e usati con lo scopo di fare ricerca con l'approvazione etica. Questi casi non riportavano né malattie neurologiche né neuropsicologiche ed erano messi a confronto per sesso, età, grandezza del cervello e cause della morte. Le differenze furono riportate quando il volume dei giri era superiore di una deviazione standard rispetto la media dei controlli(Fig. 4). La minor percentuale e la deviazione delle valutazioni di controllo sono dati nel test dalla riduzione significativa dei giri. I volumi di materia bianca e grigia erano calcolati separatamente in ogni giro. Il confronto dei giri associati al linguaggio rivelò la perdita di specifici giri parietali e temporali.

Nell'emisfero sinistro solo due giri associati al linguaggio erano atrofizzati. La materia grigia del giro inferiore temporale a il giro angolare erano ridotti rispetto i valori significativi. Inoltre, la materia bianca era colpita da una riduzione del 43-44% nell'area 37 e del 64-29% per l'area 39 (Fig. 1 e 4).

In contrasto con l'emisfero sinistro, i giri temporali superiori destri (27-18%) e i giri temporali inferiori destri (59-47%) mostravano una evidente atrofia della materia grigia (Fig. 1 e 4). L'emisfero frontale destro omologo all'area di Broca mostrava solo una significante atrofia della materia grigia(12-7%), nonostante questa fosse minore rispetto a quelle viste in altre aree. Diversamente nell'emisfero sinistro c'era un'atrofia della materia bianca rispetto al lobo temporale destro. Tale atrofia della materia bianca si verificò nell'area 37 (28- 2.8%), nell'area 39 (70-29%), nel giro temporale inferiore (79-29%), nel giro temporale mediale (61-30%), e nel giro temporale superiore(35-12%) (Fig. 1 e 4)

Fig. 2 Confronto dell'atrofia girale di E.M. con i dati di controllo riferiti all'età e al sesso. (A) La sezione macchiata di viola del giro temporale inferiore destro di un normale controllo neurologico. (B) L'appl'cazione di neuroni ubiquitin-positivi nel giro dell'ippocampo.Le macchie non rilevano altre cellule anormali o inclusioni. (C) La sezione macchiata di viola del giro temporale inferiore destro di E.M.

(D) Il riquadro in A mostra la disposizione normale della lamina corticale. (E) Il riquadro in C mostra il mantenimento della lamina corticale in E.M. Nonostante la significativa atrofia corticale, come si vede nella scala più grande confrontata con D, i neuroni piramidali sono ancora evidenti nagli strati 3 e 5. C'è un marcato aumento del numero della glia. (F) Gli altri giri analogamente colpiti includendo il giro angolare e l'area 37. La mancanza sia delle materia grigia che di quella nera è mostrata confrontando i dati di controllo riferiti all'età e il sesso.

Le aree non coinvolte includevano l'area di Broca, il giro sopramarginale destro e il giro sopramerginale sinistro, i giri superiori temporali sinistri e l'ippocampo (Fig.1Ce 4). Tali risultati dimostrarono una specifica perdita di corteccia solo in alcuni giri associati al linguaggio. Allo scopo di determinare se l'atrofia superiore a una deviazione standard dal valore medio determinava cambiamenti cellulari, furono utilizzate le misurazioni della densità cellulare nelle singole sezioni. Tre strati che comprendevano tutti gli strati corticali, furono selezionati non o solo leggermente affetti. L'area frazionata dei neuroni fu stabilita da un punteggiato attraverso una griglia di 100 punti (ogni punta equivale a 0.82% dell'area corticale campionata). La frazione dell'area della glia e il volume della degenerazione spongiforme era stabilito nello stesso modo. C'era una variazione minore del 5% nelle misure ripetute dei calcoli dell'area frazionata in ogni campo. C'era una riduzione sostanziale nell'area frazionata dei neuroni solo nel lato destro (37%) con nessun cambiamento di densità nel lato sinistro(fig. 3C). Questi dati indicano che le riduzioni del volume girale sono accompagnate da una sostanziale perdita cellulare. Insieme a questo c'era un drammatico aumento di glia nell'area frazionata nel lato destro(due volte superiore ai valori di controllo o rispetto al lato sinistro; Fig. 3C). La differenza più marcata era nell'area frazionata dello spazio spugnoso del lato destro dove lo strato 2 era quattro o cinque volte più grande in confronto ai valori di controllo o rispetto il lato sinistro(Fig. 3C). Questi cambiamenti non apparsi evidenti ad una analisi visiva.

Fig.4 Un confronto degli elementi neurofili nello strato corticale 1-2 ,nella cortex temporale inferiore di E.M. con i dati di riferimento riguardanti l'età e il sesso. (A) L'alto potere di una fotografia al microscopio di una sezione che si vede nella fig. 2D mostra gli strati corticali in un preparato di ematoxilina e eosina. (B) lo foto mostra come si vede nella fig. 2E una sezione di uno strato corticale superiore in un preparato di ematoxilina e oesina .I confronto con A la taglia di neuroni e di glia non erano significativamente differenti. Di nuovo in B è apparso un incremento della densità gliare. In più poteva chiaramente vedersi una degenerazione spungiforme nello strato corticale 2 in questo caso. (C) l'istogramma mostra la frazione dell'area dei neuroni, la glia e una degenerazione spungiforme in E.M. confrontando con i controlli. E' evidente la crescita della glia e della degenerazione spongiforme. Mentre il mantenimento della densità neuronale è il riflesso della misura dell'area frazionata del lato sinistro di E.M., il lato destro più atrofizzato aveva una diminuzione della densità neuronale la quale non era così evidente da un'analisi visiva

Articolo precedente: Procedure e rilevamenti post-mortem Articolo successivo: Correlazione clinicopatologica

Test on line

Misura la tua capacità logica, il tuo lessico, le tue capacità induttive con i test on line di hyperlabs.net.

» I test di intelligenza

Neuropsy su Facebook

» La pagina Facebook di Neuropsy

» Il gruppo Facebook Neuropsicologia e Psicoterapia.

» Twitter @neuropsy_it.