Valutazione neuropsicologica

Pubblicato da John R. Hodges, Università di Cambridge, unità di Neurologia Rosaleen A. McCarthy, Dipartimento di Psicologia Sperimentale, Cambridge, UK il 23 agosto 2017

I risultati dei test clinici neuropsicologici standard sono illustrati in Tabella 2. Il livello di Quoziente Intellettivo misurato è stato rapportato al suo livello premorboso stimato, come stabilito dal Test Nazionale di Lettura per Adulti (Nelson e O'Connell, 1978). La sua memoria a breve termine (immediata) riguardante le informazioni verbali e spaziali era normale. Al contrario, tutti i test condotti sulla memoria a lungo termine dimostrarono un danneggiamento profondo; nel Test sulla Memoria di Ricognizione (Warrington, 1984) il suo risultato si rivelò fortuito. Allo stesso modo non rivelò alcuna facoltà di ritenzione di materiale verbale dal subtest sulla memoria logica chiamato Scala della Memoria di Wechsler (Wechsler e Stone, 1945). Nonostante si fosse dimostrato capace di copiare la figura di Rey-Osterrieth (Osterrieth, 1944), la sua ritenzione di questa informazione non verbale, dopo un differimento, si rivelò minima.

Tabella 2. Risultati dei test neuropsicologici di P.S.
WAIS-R subtest tarato per l'età Span di cifre 11
Vocabolario 8
Aritmetica 11
Somiglianze 9
Completamento di figure 9
Ordinamento di figure 7
Disegno di cubi 10
Quoziente intellettivo verbale 96
Quoziente intellettivo di performance 90
Quoziente intellettivo stimato premorboso: NART 101
Matrici colorate di Raven 32 su 36
Visuopercettivo Lettere frammentate (20) 20
Discriminazione di un punto (20) 20
Giudizio di orientamento di linee normale
Linguaggio Discorso spontaneo normale
Ripetizione normale
Test di denominazione graduata (30) 12
Token test (36) 34
Memoria Span di cifre in avanti 7
Span di cifre all'indietro 5
Test di Corsi in avanti 6
Test di Corsi all'indietro 4
Richiamo di paragrafi (WMS) Immediato 4.5
Differito di 45 min. 0
Apprendimento di coppie associate (WMS) Immediato Facile (totale su 18) 13
Difficile (totale su 12) 0
Differito Facile (totale su 6) 4
Difficile (totale su 4) 0
WRMT Parole (50) 23
Volti (50) 27
Figura di Rey-Osterrieth Copia (36) 31
Richiamo dopo 45 min. (36) 4
Funzioni esecutive frontali Wisconsin card sorting test
Categorie 2
Trail making test A secondi 158
B secondi >300
Test di valutazione cognitiva danneggiato
Fluenza verbale (F, A, S) 11

NART = Test di Lettura Nazionale per Adulti; WMS = Scala di Memoria Wechsler; WRMT = Test di Memoria di Riconoscimento di Warrington.

della Memoria di Wechsler (Wechsler e Stone, 1945). Nonostante si fosse dimostrato capace di copiare la figura di Rey-Osterrieth (Osterrieth, 1944), la sua ritenzione di questa informazione non verbale, dopo un differimento, si rivelò minima.

I test condotti sul linguaggio non mostrarono danni significativi. La sua descrizione della figura della scatola dei biscotti rubata derivata dall'Esame Diagnostico per l'Afasia di Boston (Goodglass e Kaplan, 1983) dimostrò un livello di articolazione normale, fonologia e sintassi prive di difficoltà nel recupero delle parole o di errori parafasici. Il risultato del difficile Test di Denominazione Graduata (McKenna e Warrington, 1983) si rivelò conforme al suo livello intellettuale stimato. Nel Token Test, accorciato a 36 pezzi, commise solo due errori, entrambi nell'ultimo blocco, il che rientra nei limiti normali.

La sua prestazione nell'Oggetto Visuale e nella batteria della Percezione dello Spazio (Warrington e James, 1991) si rivelò essenzialmente normale. Nei test tradizionalmente dipendenti dalla funzione esecutiva frontale, P.S. mostrò continuativamente risultati piuttosto scarsi; nel Wisconsin Card Sorting Test (Nelson, 1976) raggiunse solo due tipi di categoria e fece numerosi e ripetuti errori; nel Test delle Stime Cognitive (Shallice ed Evans, 1978) commise un ampio numero di errori dando risposte piuttosto bizzarre (p. es., per l'oggetto più grande trovato in casa rispose "il secchio per il carbone"); il completamento del Trail-Making Test gli richiese una notevole quantità di tempo ed oltrepassò di 5 minuti il limite per la parte B; anche la fluenza verbale riguardo alle lettere F, A e S faceva parte della sfera chiaramente danneggiata.

Precedente: Caso clinico Successivo: La memoria retrograda