2. Metodologia

Autore: Alan Sunderlanda, Stella-Marie Slumanb
a Division of Stroke Medicine, University of Nottingham, Nottingham, UK
b Centre for Applied Psychology, University of Leicester, Leicester, UK
Traduzione: Doriano Pustina

2.1 Soggetti

Sono state ripassate le ammissioni ospedaliere alla ricerca di quindici pazienti destrimani con evidente infarto (mostrato dalla TAC) nelle regioni dell'arteria cerebrale media coinvolgendo l'area parietale o posterofrontale destra (vedi tabella 1). L'età media era di questo guppo LCVA (supponiamo sia Left Cerebral Vascular Apoplectic) 67 anni (con variazioni tra 40 e 83) e furono testati dopo una media di 17 giorni dall'infarto (con variazioni tra 4 e 29 giorni) quando erano abbastanza attenti da completare tutti i test. Questi pazienti usavano la loro mano sinistra non paretica per tutti i test e furono confrontati con 18 destrimani sani usando sempre la mano sinistra per i test. Questi ultimi erano di età simile agli altri (media=63 con variazioni tra 42 e 86 anni) e hanno formato il gruppo LC (Left Control).

Per dimostrare gli effetti specifici del danno sinistro riportiamo brevemente i risultati di 15 lesionati di destra selezionati nello stesso modo (RCVA Right Cerebral Vascular Apoplectic). L'età media era di 58 anni (variazioni: 33-76).

Tabella 1: Riassunto della estensione delle lesioni per i soggetti LCVA
Paziente
Occipitale
Parietale
Postero-frontale
Sottocorticale
2
*
*
*
6
*
7
*
*
*
10
*
*
11
*
*
*
13
*
*
14
*
*
15
*
*
*
18
*
*
*
19
*
20
*
21
*
*
*
25
*
28
*
32
*
*
*

Tredici di loro erano destrimani e due erano mancini. Furono testati dopo una media di 18 giorni dall'infarto (variazioni: 1-31 giorni). Hanno usato la mano destra per i test e furono confrontati con un gruppo di 16 destrimani sani di controllo (RC Right Controls). L'età media di questi era di 67 (variazioni 47-83 anni). Ulteriori analisi dei dati di questi gruppi e informazioni neurologiche e demografiche sono state pubblicate altrove 31.

La ricerca è stata approvata dal Leicester Health Autorithy Ethics Comitee e tutti i partecipanti hanno dato il consenso informato.

2.2 Imitazione gestuale

Questo test richiede la pantomima di sei azioni transitive (usare una tazza, chiave, palla, matita, martello e spazzolino da denti) e tre gesti familiari (salutare, minacciare con un pugno e fare l'addio ondeggiante). Se l'azione su commando verbale ("Mostrami come faresti per...") era giudicata non perfetta veniva fatta una dimostrazione da imitare. L'esaminatore usava oggetti reali per la dimostrazione delle azioni transitive mentre il soggetto doveva mimare senza l'oggetto. Ogni item veniva valutato in una scala a tre livelli: 0 = incapace/grossi errori; 1 = errori probabili; 2 = corretto.

2.3 Token test - parti 1 e 5

Valutazione della comprensione uditiva nella quale il soggetto muove i pezzi colorati su commandi di complessità crescente.

2.4 Riproduzione di sequenze d'azione - scatola di Kimura

I soggetti dovevano premere un pulsante con l'indice, afferrare una maniglia verticale con tutta la mano e premere poi una levetta col pollice (vedi figura 1). La scatola dove questi oggetti erano fissati veniva messa esattamente di fronte al soggetto e aveva una inclinazione di 45 gradi per permettere alla telecamera di riprendere le azioni dall'alto. Gli oggetti si muovevano su azione del soggetto ma nessun cicalino suonava come nell'apparecchio originale di Kimura 20,21. Ai soggetti venivano presentate due dimostrazioni lente e chiare da parte dello sperimentatore accompagnate da spiegazioni verbali semplici su quello che veniva richiesto nei test. La mano del soggetto veniva posizionata davanti al soggetto sul tavolo prima di ogni tentativo. Se c'erano errori nel completamento dei tentativi (es. sequenze d'azioni con ordine sbagliato) veniva presentata una ulteriore dimostrazione immediata da parte dello sperimentatore prima che il soggetto iniziasse il prossimo tentativo. Il test andava avanti finche il soggetto non faceva tre tentativi corretti uno dopo l'altro, oppure finché 15 tentativi venivano comunque fatti. La nostra si discostava leggermente dalla procedura di Kimura 20 che richiedeva 5 tentativi buoni entro un tempo massimo di 2 minuti.

2.5 Destrezza manuale 19,32

Questi test si sono creati per simulare le funzioni manuali di ogni giorno. Sono stati effettuati su un piano 75x31 cm posto a capo del tavolino sulla linea mediana davanti al soggetto. C'erano cinque test da fare, ognuno ripetuto tre volte. Ogni test iniziava con una dimostrazione rallentata dello sperimentatore accompagnata da una descrizione verbale semplificata del compito che conteneva anche l'istruzione di svolgere il compito "...più presto che puoi". I cinque test sono quelli che seguono.

1.Girare una carta. Il soggetto deve girare ognuna delle 5 carte (7.5 cm x 12.5 cm) posizionate uniformemente sul piano. Durante la dimostrazione le carte venivano afferrate dall'angolo, ma veniva sottolineato che questo non era importante; bastava che le carte venissero girate.

2.Raccogliere piccoli oggetti comuni. Due graffette, due colli di bottiglia e due monete erano separate sul piano mentre un recipiente (alto 13 cm con un diametro 9 cm) era posto sull'estremità lontana. Il soggetto doveva eseguire movimenti controlaterali del braccio per prendere gli oggetti e metterli nel recipiente. Una tavola di legno grossa 2 cm venne posizionata dietro il piano per costituire la sporgenza necessaria per i due compiti successivi.

3.Prendere dei fagioli col cucchiaio. Un cucchiaino da caffè veniva usato per prender 5 fagioli comuni posti separati alla fine della sporgenza. Dopodiché venivano messi in un recipiente posto centralmente davanti al soggetto.

4.Accatastare pezzi di legno. Quatto pezzi di legno rossi posti separati davanti alla sporgenza venivano accatastati sulla stessa.

5.Apertura/chiusura di una porta. Per questo compito si usava una piccola porticina (15 x 23 cm) serrata con un piccolo catenaccio. Era inclinata di 45° per permettere alla telecamera di riprendere dall'alto le manovre sul catenaccio. Il lato apribile della porta si posizionava centralmente e veniva aperto dal lato ipsilaterale (dal lato della mano che apriva). Il soggetto iniziava il test con la mano posta centralmente sul piano e doveva poi slegare il catenaccio e aprire la porta fino a 90°. La mano gli veniva poi riposta in posizione di riposo prima che il soggetto ricominciasse il prossimo movimento della chiusura.

Articolo precedente: 1. Introduzione Articolo successivo: 2.6 Analisi delle registrazioni video

Test on line

Misura la tua capacità logica, il tuo lessico, le tue capacità induttive con i test on line di hyperlabs.net.

» I test di intelligenza

Neuropsy su Facebook

» La pagina Facebook di Neuropsy

» Il gruppo Facebook Neuropsicologia e Psicoterapia.

» Twitter @neuropsy_it.