[Scan-090618-0006][]
Qualche giorno fa, ho riportato una statistica, secondo cui il 25% degli Americani ha avuto un disturbo mentale nel 2010.

Oggi, Nature News riporta una statistica altrettanto sconcertante: il 38% della popolazione Europea in età compresa fra i 18 e i 65 anni ha sofferto, nel 2010, di un disturbo mentale. Il dato emerge da uno studio pubblicato da Hans-Ulrich Wittchen, dell'università di Dresda. Lo stesso autore, nel 2005, aveva pubblicato una ricerca analoga, in cui si sosteneva che il 27% degli Europei aveva sofferto, nei 12 mesi precedenti, di un disturbo mentale (l'articolo: Hans-Ulrich Wittchen, Frank Jacobib (2005) Size and burden of mental disorders in Europe—a critical review and appraisal of 27 studies [scarica pdf]). Questi dati sono in linea con una ricerca dell'OMS del 2008, che stimava che una persona su tre, nel mondo, soffre di un disturbo mentale.

I disordini più comuni riportati nello studio del 2011 sono ansia (14% della popolazione), insonnia (7%) e depressione (6.9%). Lo studio del 2005 citava anche i disturbi somatoformi (6.3), la dipendenza da alcol (2.4) e da sostanze (0.5), i disturbi psicotici (0.8), il disturbo bipolare (0.9) e i disturbi del comportamento alimentare (0.4). Fra i disturbi d'anisa, l'attacco di panico (1,8%), l'agorafobia (1.3%), la fobia sociale (2.3%), il disturbo da ansia generalizzata (1.7%), le fobie (6.4%) e il disturbo ossessivo compulsivo (0.7%).

Trattamento e costi

Una percentuale molto bassa di persone riceve un adeguato trattamento: solo del 25% delle persone con un disturbo mentale ricevono un qualche consulto medico o specialistico. Di questi 25%, 34% ricevono soltanto un trattamento farmacologico, il 18 trattamento psicologico, il 26 farmacologico e psicologico, mentre il 21% non riceve alcun trattamento.

Il mancato trattamento è, spesso, dovuto anche allo stigma sociale legato al disturbo mentale: le persone si vergognano di ammettere di avere un problema mentale, e soprattutto rimane l'idea che questi disturbi non possano essere curati.

Il costo di questi disturbi - anche a causa di un tempestivo ed efficace trattamento - è estremamente alto. Il report del 2005 stimava un costo (legato ai giorni di assenza da lavoro e ai costi assistenziali) di circa 270 miliardi di euro all'anno.

[Scan-090618-0006]: http://www.flickr.com/photos/el_pinjo/3639713948/ "Scan-090618-0006 by Misja Heuveling, on Flickr"