[Warrior Dash - Windham, NY - 10, Sep - 27.jpg][]

Quello che non mi uccide, mi fortifica.
Friedrich Wilhelm Nietzsche

Pare che Nietzsche non avesse tutti i torti: le difficoltà ci rendono più resilienti. Questa, almeno, la conclusione di un articolo pubblicato su Current Directions in Psychological ScienceResilience - A Silver Lining to Experiencing Adverse Life Events?

La resilienza, ovvero la capacità di affrontare i problemi e le avversità, tende ad essere legata alle passate esperienze. Com'è noto, le persone che hanno subito gravi traumi (lutti, violenze, abusi) sono più a rischio di essere soggetti a problemi psicologici (ansia, depressione, e soprattutto disturbo post-traumatico). Queste persone, inoltre, sviluppano una minore resilienza, ovvero tendono ad avere difficoltà nell'affrontare nuove avversità.

Anche per questo motivo, psicologi, educatori, pediatri e genitori tendono - giustamente - a proteggere i bambini e gli adolescenti.

Ma secondo Mark Seery, l'autore dell'articolo citato, la totale assenza di difficoltà ed avversità non è la condizione ideale. Anzi, la necessità di affrontare alcune difficoltà, aiuta bambini, adolescenti e probabilmente anche gli adulti a migliorare la propria resilienza.

Proteggere troppo i propri cari, ed evitare a se stessi tutti gli stress, non è dunque una buona strategia. Naturalmente, gli stress non devono essere eccessivi (e lo stress non deve essere cronico). Ma alcune dosi di stress, e qualche problema, fanno bene e ci allenano ad affrontare gli stress futuri.

Dunque, parafrasando il grande filosofo, quello che non mi fa troppo male, mi fortifica.

[Warrior Dash - Windham, NY - 10, Sep - 27.jpg]: http://www.flickr.com/photos/altuwa/5006404729/ "Warrior Dash - Windham, NY - 10, Sep - 27.jpg by sebastien.barre, on Flickr"