Sbadigli empatici

Pubblicato da bussolon il 16 dicembre 2011 in Psicologia sociale Parole chiave: empatia | relazioni |

Gli sbadigli, si sa, sono contagiosi. La loro contagiosità, però, dipende dalla relazione con chi sbadiglia. Se a sbadigliare è un famigliare stretto, la probabilità di essere contagiati è più alta che se a sbadigliare è un estraneo. La contagiosità degli sbadigli di amici e conoscenti è intermedia.

Queste, le conclusioni di una ricerca, condotta dal cnr di Roma, e pubblicata su Plos One, secondo cui la contagiosità dello sbadiglio è un modo per mostrare empatia nei confronti di chi sbadiglia per primo.

Fonte: National Geographic.

Immagine: Yawn! | Our little baby boy, born on January 10, 2008 at 3:0… | Flickr

Chi sei?

Aiutaci a migliorare neuropsy.it rispondendo a questa semplice domanda. Chi sei?

Categorie

depressione (3) | mindfulness (3) | neuropsicologia (3) | neuroscienze (3) | psicologia sociale (4) | salute (5) | sessualità (4) |

Tag

alcol (5) | ansia (5) | cervello (3) | depressione (6) | farmaci (3) | psicoterapia (4) | ricerca (4) | sessualità (4) |