Trauma cranico lieve

Pubblicato da Stefano Bussolon il 23 agosto 2017

Anamnesi

Anamnesi clinica

Trauma cranico da incidente automobilistico dieci mesi prima, senza perdita di conoscenza.

Soggettività

La paziente riferisce problemi di memoria, memoria prospettica, concentrazione. Lamenta cefalee, vertigini, affaticabilità ed irritabilità. A seguito dell'incidente ha paura ad usare l'auto.

Valutazione Neuropsicologica

Funzioni mnestiche

La prestazione nelle prove per la valutazione della memoria a breve termine risulta nella norma:

  • span di cifre 6+ span di cifre ripetute al contrario 4+ span di parole 5+ test di ripetizione frasi 3/3Nella norma la prestazione nella prova per la valutazione della memoria anterograda in condizioni di apprendimento volontario:

  • nel test del breve racconto il paziente ottiene un punteggio di 21.5/28 pari a z= +1.2;Nella norma la prestazione nella prova per la valutazione della memoria anterograda in condizioni di apprendimento incidentale (nel test di Memoria Incidentale Fonemica il paziente ottiene un punteggio di 9/20 pari a z= +0.17).

Conclusioni: Le funzioni mnestiche risultano nella norma.

Funzioni verbali

Nel test di fluenza verbale fonemica il soggetto ottiene un punteggio di 9.6, pari a z =-1.98, da considerarsi inferiore alla norma; nel test di fluenza verbale semantica il soggetto ottiene un punteggio di 15.3, pari a z =-0.55, da considerarsi nella norma.

Nel test di intelligenza breve (T.I.B.), utilizzato per valutare il quoziente intellettivo pre-morboso, il soggetto ha riportato un punteggio di 32/34, pari ad un QI stimato di 110, da considerarsi nella norma.

Conclusioni: Le funzioni verbali attuali risultano inferiori al quoziente intellettivo verbale premorboso.

Funzioni attentive

Test di Posner

Il test di Posner è una prova al calcolatore che studia le funzioni attentive, in particolare l'efficienza dello spostamento volontario dell'attenzione nello spazio. In questa prova il compito utilizzato induce il soggetto a focalizzare l'attenzione in una posizione precisa dello spazio e quindi rende possibile la valutazione delle capacita' di spostamento volontario del fuoco attenzionale mediante la registrazione e l'analisi dei tempi di reazione (simple reaction time). I tempi sono espressi in millisecondi, a punti z positivi corrispondono tempi di reazione rallentati).

* sinistro punti z % destro punti z % totale %
Valido 868 5,93 158 1098 8,79 234 983 195
Invalido 1146 7,87 206 1235 8,86 227 1191 217
Neutro 1098 7,94 204 1132 8,37 219 1115 211
Totale 1037 * * 1155 * * 1096 208

Conclusioni: Il paziente presenta un rallentamento complessivo del 208% nei tempi di reazione, indice di deficit attentivo e rallentamento psicomotorio.

Test di Simon

Il test di Simon è una prova al calcolatore che analizza l'efficienza delle funzioni di selezione degli stimoli e di inibizione delle risposte (compatibilità spaziale). La valutazione della prestazione avviene mediante la registrazione e l'analisi dei tempi di reazione di scelta (choice reaction time). I tempi sono espressi in millisecondi, a punti z positivi corrispondono tempi di reazione rallentati).

* sinistro z % destro z % totale %
Tasto sinistro 1088 5,42 129 1250 7,96 145 1169 137
Tasto destro 1120 6,68 120 1145 6,02 147 1133 133
Totale 1104 * * 1198 * * 1151 135

Conclusioni: Il paziente presenta un rallentamento complessivo del 135% nei tempi di reazione, indice di deficit attentivo e rallentamento psicomotorio.

Conclusioni: Le funzioni attentive risultano inferiori alla norma.

Conclusioni

Dalla valutazione neuropsicologica emergono i seguenti deficit:

  • significativo rallentamento dei tempi di reazione;+ inferiore alla norma la prestazione nei test di fluenza verbale;Si consiglia training riabilitativo delle funzioni attentive.
Precedente: Sintomi demenziali in soggetto depresso Successivo: Valutazione in trauma cranico lieve