Algoritmo di diagnosidei disturbi di lettura acquisiti (Sartori, 1989)

Pubblicato da Sarah Menini il 22 agosto 2017

Per giungere ad una diagnosi differenziale di dislessia può essere utile seguire la procedura riportata di seguito:

  1. la lettura di lettere isolate diventa problematica quando la lettera viene inserita all'interno di una serie di altre lettere? Se la risposta è affermativa si può trattare di dislessia attenzionale
  2. le parole sono lette male e gli errori si concentrano all'inizio alla fine della parola? In questo caso può trattarsi i dislessia da neglect
  3. le parole vengono lette lettera per lettera, ed il tempo che il soggetto impiega a leggere una parola è proporzionale alla lunghezza della stessa? Potrebbe trattarsi di dislessia lettera per lettera (Alessia pura)
  4. sono presenti errori semantici? Il disturbo è inquadrabile come dislessia profonda. In questo caso dovrebbero essere presenti anche errori con le non parole e le parole eccezione di pronuncia o accentazione
  5. la lettura delle non parole è molto scarsa rispetto alla lettura delle parole? Potrebbe trattarsi di dislessia fonologica
  6. il paziente sbaglia a leggere le parole con accentazione irregolare, tendendo a renderle regolari, o confonde tra loro gli omofoni? Potrebbe trattarsi di dislessia superficiale
  7. il soggetto è incapace di comprendere parole che è in grado di leggere senza commettere errori? Potrebbe di iperlessia o lettura non semantica
Precedente: Classificazione delle dislessie acquisite Successivo: Esempi di errori (tratto da G. Denes & L. Pizzamiglio, 1990)