Sintomi

Autore: Doriano Pustina, Stefano Bussolon
L'Alzheimer è una patologia a carattere degenerativo del sistema nervoso centrale. L'esordio sintomatico è a carattere "insidioso": i primi sintomi sono lievi, sono difficili da riconoscere e da distinguere dalle disattenzioni di una persona anziana sana. Anche nel momento in cui si riconosce il carattere patologico di alcuni comportamenti non è semplice arrivare ad una sicura diagnosi differenziale, in quanto alcuni sintomi sono comuni ad altre patologie, quali la depressione e la demenza multiinfartuale.

Amnesia

L'amnesia anterograda è uno dei principali sintomi dell'Alzheimer. L'amnesia anterograda è l'incapacità di ricordare cose recenti, o più precisamente eventi occorsi dopo l'insorgenza di una patologia. I pazienti affetti da demenza di Alzheimer tendono ad avere un (relativamente) buon ricordo delle cose passate ma a non ricordare le cose nuove, recenti.

Aprassia

L'aprassia è l'incapacità di compiere azioni comuni: fischiettare (aprassia buccofacciale), preparare il caffè, cucinare, fare dei disegni.

Agnosia

L'agnosia è l'incapacità di riconoscere cose comuni. Può esistere una dissociazione fra agnosia per oggetti animati ed inanimati: i pazienti affetti da Alzheimer tendono ad avere una maggiore difficoltà con gli oggetti animati, quali frutta, verdura ed animali.

Durante la diagnosi è necessario distinguere fra agnosia ed anomia: nel primo caso il paziente non dice il nome di un oggetto perché non lo riconosce, nel secondo caso riconosce l'oggetto ma non ne ricorda il nome.

Anomia

Incapacità a denominare un oggetto, pur riconoscendolo. Un soggetto affetto da anomia può utilizzare perifrasi, sinonimi, termini assonanti o neologismi per riferirsi all'oggetto di cui non ricorda il nome.

Disorientamento spazio-temporale

Vi è disorientamento temporale se il paziente non sa rispondere alle domande "che giorno è oggi", "in che mese siamo, in che stagione, in che anno". Naturalmente più è grave la discrepanza, maggiore è il disorientamento.

Vi è disorientamento spaziale se il paziente non sa rispondere alla domanda "dove ci troviamo ora".

Acalculia

Il soggetto non sa compiere operazioni matematiche elementari.

Agrafia

Il soggetto ha difficoltà di scrittura. Nelle forme più gravi non riesce a scrivere nemmeno la propria firma.

Deficit intellettivi

Vi è un significativo peggioramento delle capacità di ragionamento, di pianificazione e di giudizio.

Cambiamenti nel tono dell'umore

Il soggetto tende a mostrare repentini, marcati ed ingiustificati cambiamenti nel tono dell'umore, che vanno dalla depressione, all'euforia, al pianto. È comune l'insorgenza di depressione, ansia, insonnia, agitazione.

Sintomi psicotici e modificazione della personalità

Il paziente può assumere comportamenti bizzarri, o aggressivi, comunque significativamente differenti dal profilo di personalità pre-morboso.

Fra i sintomi psicotici si annoverano allucinazioni, paranoia e pensieri non realistici. Questi sintomi sono più rari dei sintomi comportamentali e appaiono prevalentemente tardi durante il decorso della malattia.

Articolo precedente: I primi sintomi Articolo successivo: Fisiopatologia

Test on line

Misura la tua capacità logica, il tuo lessico, le tue capacità induttive con i test on line di hyperlabs.net.

» I test di intelligenza

Neuropsy su Facebook

» La pagina Facebook di Neuropsy

» Il gruppo Facebook Neuropsicologia e Psicoterapia.

» Twitter @neuropsy_it.