Note introduttive

Pubblicato da Alessandra Maggia e Roberto Musiari il 01 gennaio 2020

La depressione è un disturbo classificabile tra le alterazioni psichiche non lesionali e tra i disturbi dell'umore.

Sebbene l'età dell'insorgenza non sia stata precisata, si tratta di una sfida difficile per ogni fase della vita ed è così diffusa che nel corso dell'esistenza colpisce almeno una volta una persona su cinque.

Circa il 10% delle assenze dal lavoro è dovuto ai sintomi della depressione, mentre il 50% dei pazienti depressi non viene diagnosticato. Se si hanno dei parenti diretti malati di depressione il rischio di malattia può essere il triplo rispetto alla popolazione normale.

Ogni tre persone ammalate, due sono donne. Ogni anno due donne su cento si ammalano, mentre per gli uomini l'incidenza è di uno a cento.

Va ricordato che, oltre ad avere un'aumentata possibilità di ammalarsi nel corso della vita, le donne tendono a riferire, rispetto agli uomini, un maggior numero di sintomi.

Le differenze epidemiologiche tra i due sessi tendono a scomparire nell'infanzia e nell'età senile.

La vulnerabilità delle giovani generazioni sembra aumentata, probabilmente per l'influenza di più fattori: uso di sostanze, dieta e cambiamenti occorsi nella struttura familiare, sociale e occupazionale, uniti al generale incremento dell'urbanizzazione.

L'aspetto comunque più allarmante è che per tutti, il rischio di ammalarsi è aumentato durante tutto l'arco del XX secolo.

Educazione al benessere

Neuropsy sta lanciando un percorso di educazione al benessere: una serie di webinar e un ciclo di incontri dedicati al benessere e agli strumenti per coltivarlo.

Per maggiori informazioni vai alla pagina educazione al benessere

Categorie

categoria (7) |

Tag

tag (7) |