Deficit attentivi e motori

Pubblicato da Stefano Bussolon il 23 agosto 2017

I deficit attentivi risultano piuttosto comuni nei traumatizzati cranici. I deficit possono includere:

  • rallentamento dei tempi di reazione;+ aumento della distraibilità del soggetto, che tende ad essere maggiormente influenzato da stimoli distrattori; questo può essere considerato un caso particolare della difficoltà del paziente con sindrome frontale ad inibire comportamenti verso stimoli ambientali;+ difficoltà in compiti di attenzione diffusa;+ emiinattenzione (soprattutto neglect motorio);+ difficoltà di eseguire due compiti contemporaneamente (attenzione divisa).Nella fase sub-acuta della patologia può esservi remissione spontanea di alcuni di questi deficit.

La sindrome di negligenza spaziale

Disturbi oculomotori

le aree "frontal eye fields" e "supplementary eye fields" del lobo frontale svolgono un importante ruolo nella realizzazione dei movimenti oculari volontari. Una lesione al lobo frontale può pertanto causare dei disturbi di carattere oculomotorio. Il disturbo può manifestarsi nella difficoltà ad inibire movimenti saccadici verso uno stimolo ed ad eseguire movimenti oculari volontari in presenza di stimoli distrattori, che nel paziente con trauma cranico tendono a catturare il movimento.

I sintomi descritti costituiscono l'esempio più chiaro della difficoltà del traumatizzato cranico di gestire gli stimoli dell'ambiente circostante e della tendenza ad assumere dei comportamenti stereotipati ed automatici, quali la sindrome d'uso.

anatomia dell'attenzione

Precedente: Deficit delle funzioni cognitive superiori Successivo: Disturbi di produzione verbale